Pritzker Prize per Aravena

Pritzker Prize per Aravena

Posted on marzo 25, 2016 by in Marketing with no comments

L’architetto cileno – direttore della Biennale di Architettura di Venezia 2016 – è stato premiato per il suo modo di fare architettura con impegno artisitico sia nel privato che nel pubblico e per la sua figura di architetto socialmente impegnato.

Alejandro Aravena è stato selezionato come il 2016 Pritzker Architecture Prize Laureate, ha annunciato oggi Tom Pritzker.

Pritzker ha così motivato la scelta: “La giuria ha selezionato un architetto che approfondisce la nostra comprensione di ciò che è veramente grande progettazione. Alejandro Aravena ha sperimentato una pratica collaborativa che produce opere di architettura potenti e affronta anche le principali sfide del XXI secolo. Il suo lavoro di costruzione offre opportunità economiche per i meno privilegiati, mitiga gli effetti delle catastrofi naturali, riduce il consumo energetico e fornisce spazi pubblici accoglienti. Innovativo e stimolante, mostra come l’architettura al suo meglio sia in grado di migliorare il modo di vivere.”

Alejandro Aravena, Mathematics School, 1999, Universidad Católica de Chile, Santiago, Chile. Photo Tadeuz Jalocha

Aravena ha realizzato interventi importanti come la Universidad Catolica de Chile a Santiago – che comprende l’UC Innovation Center – Anacleto Angelini (2014), le Siamese Towers (2005), la Facoltà di Medicina (2004), la Scuola di Architettura (2004) e la Scuola di Matematica (1999) – e la Quinta Monroy Housing (2005). Questi edifici a basso consumo energetico rispondono al clima locale con piante e facciate innovative ed efficienti e offrono agli utenti la luce naturale e luoghi di incontro conviviali.

Attualmente è in costruzione a Shanghai, in Cina, un edificio per uffici per l’azienda sanitaria Novartis, con spazi per uffici progettati per ospitare diverse modalità di lavoro – individuali, collettive, formali e informali. Negli Stati Uniti, Aravena ha costruito i dormitori della St. Edward’s University (2008) ad Austin, Texas.

Aravena ha scritto nella sua mail di risposta al conferimento del premio: “Guardando indietro, ci sentiamo profondamente riconoscenti. Nessun risultato è individuale. L’architettura è una disciplina collettiva. Quindi pensiamo, con gratitudine, a tutte le persone che hanno contribuito a dare forma a una grande diversità di forze in gioco. Guardando al futuro ci aspettiamo Libertà! Il prestigio, la portata, la gravitas del premio è tale che ci auguriamo di usarlo per esplorare nuovi territori, affrontare nuove sfide, e camminare in nuovi campi d’azione. Dopo aver raggiunto questa vetta, il percorso è scritto.

Quindi il nostro piano è quello di non avere un piano, di affrontare l’incertezza, di essere aperti all’inaspettato. Infine, guardando al presente, siamo solo sopraffatti, estasiati, felici. È il momento di festeggiare e condividere la nostra gioia con quante più persone possibile”.

Alejandro Aravena, Siamese Towers, 2005, San Joaquín Campus, Universidad Católica de Chile, Santiago, Chile, University classrooms and offices. Photo Cristobal Palma


Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *