I criteri per l’utilizzazione degli effluenti di allevamento e del digestato

I criteri per l’utilizzazione degli effluenti di allevamento e del digestato

Posted on maggio 10, 2016 by in Uncategorized with no comments

19/04/2016

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 90 del 18 aprile 2016, s.o. n. 9 è stato pubblicato il d.m. 25 febbraio 2016 recante “Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dell’utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento e delle acque reflue, nonché per la produzione e l’utilizzazione agronomica del digestato”.

Ecco una breve mappa del provvedimento.

Titolo I

DISPOSIZIONI COMUNI

Capo I

Disposizioni generali

– Articolo 1: Finalità e principi generali;
– Articolo 2: Ambito di applicazione;
– Articolo 3: Definizioni;

Capo II

Adempimenti dei produttori ed utilizzatori

– Articolo 4: Adempimenti dei produttori ed utilizzatori;
– Articolo 5: Piano di utilizzazione agronomica;
– Articolo 6: Documentazione di accompagnamento al trasporto;

Titolo II

UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO

Capo I

Criteri generali e divieti
– Articolo 7: Criteri generali per l’utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento;
– Articolo 8: Divieti di utilizzazione agronomica dei letami;
– Articolo 9: Divieti di utilizzazione agronomica dei liquami;

Capo II

Trattamento e stoccaggio

– Articolo 10: Criteri generali per il trattamento e lo stoccaggio degli effluenti di allevamento;
– Articolo 11: Stoccaggio e accumulo dei letami;
– Articolo 12: Stoccaggio dei liquami;

Capo III

Modalità di distribuzione e dosi di applicazione

– Articolo 13: Tecniche di distribuzione degli effluenti di allevamento;
– Articolo 14: Dosi di applicazione degli effluenti di allevamento;

Titolo III

UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DELLE ACQUE REFLUE

Capo I

Criteri generali e divieti

– Articolo 15: Criteri generali per l’utilizzazione agronomica delle acque reflue;
– Articolo 16: Divieti di utilizzazione agronomica delle acque reflue;

Capo II

Trattamento e stoccaggio

– Articolo 17: Criteri generali per il trattamento e lo stoccaggio delle acque reflue;
– Articolo 18: Stoccaggio delle acque reflue;

Capo III

Modalità di utilizzazione agronomica e dosi di applicazione

– Articolo 19: Tecniche di distribuzione delle acque reflue;
– Articolo 20: Dosi di applicazione;

Titolo IV

UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEL DIGESTATO

Capo I

Disposizioni generali

– Articolo 21: Criteri generali;
– Articolo 22: Produzione del digestato;
– Articolo 23: Digestato destinato ad operazioni di essiccamento e valorizzazione energetica;
– Articolo 24: Criteri per la qualificazione del digestato come sottoprodotto;
– Articolo 25: Adempimenti del produttore o utilizzatore di digestato;

Capo II

Utilizzazione agronomica del digestato

– Articolo 26: Criteri generali di utilizzazione agronomica del digestato;

Capo III

Utilizzazione agronomica del digestato agrozootecnico

– Articolo 27: Produzione del digestato agrozootecnico;
– Articolo 28: Criteri generali di utilizzazione agronomica del digestato agrozootecnico;

Capo IV

Utilizzazione agronomica del digestato agroindustriale

– Articolo 29: Utilizzazione agronomica del digestato agroindustriale;
– Articolo 30: Produzione del digestato agroindustriale;
– Articolo 31: Criteri generali di utilizzazione agronomica del digestato agroindustriale;

Capo V

Disposizioni comuni

– Articolo 32: Stoccaggio delle matrici in ingresso e del digestato;
– Articolo 33: Modalità di trattamento del digestato;
– Articolo 34: Tecniche di distribuzione e dosi di applicazione del digestato;

Titolo V

UTILIZZAZIONE AGRONOMICA IN ZONE VULNERABILI DA NITRATI

– Articolo 35: Disposizioni generali;
– Articolo 36: Divieti di utilizzazione dei letami e dei concimi azotati e ammendanti organici di cui al decreto legislativo 29 aprile 2010, n. 75;
– Articolo 37: Divieti di utilizzazione dei liquami;
– Articolo 38: Caratteristiche dello stoccaggio;
– Articolo 39: Accumulo temporaneo di letami;
– Articolo 40: Modalità di utilizzazione agronomica e dosi di applicazione;
– Articolo 41: Strategie di gestione integrata di effluenti zootecnici;
– Articolo 42: Controlli;
– Articolo 43: Formazione e informazione degli agricoltori;
– Articolo 44: Comunicazioni;

 

Vai al link


Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *