Via al nuovo codice degli appalti. Delrio: “Ora tempi e costi giusti”

Via al nuovo codice degli appalti. Delrio: “Ora tempi e costi giusti”

Via al nuovo codice degli appalti. Delrio: “Ora tempi e costi giusti”

Posted on maggio 17, 2016 by in Uncategorized with no comments

Il ministro delle Infrastrutture rivendica l’opera di semplificazione e la trasparenza: “Basta alle gare al massimo ribasso, la scelta coniuga prezzo e qualità”. Cantone: “E’ una piccola rivoluzione copernicana”.

MILANO – Mentre il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, rilancia il tema del completamento delle grandi opere infrastrutturali lasciate in sospeso, il Consiglio dei Ministri ha approvato “il codice attuativo della riforma degli appalti”, dopo l’approvazione della delega da parte del Parlamento. Lo ha annunciato il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, al termine della riunione dell’esecuitov. Delrio l’ha presentato come “una corposa riforma che mira a rendere il sistema dei lavori pubblici e delle concessioni finalmente all’altezza di un grande Paese europeo. Semplificazione, trasparenza, lotta alla corruzione, e qualità sono gli elementi chiave” della riforma. Sul primo punto, quello dello snellimento delle norme, il ministro sciorina i numeri: si passa dal vecchio codice “da 660 articoli e 1500 commi a 217 articoli con una scelta di grandissima semplificazione e recepimento delle direttive europee”.

Tra i punti qualificanti sottolineati da Delrio c’è lo “stop alle gare al massimo ribasso, la scelta coniuga prezzo e qualità”. Per la “prima volta” viene “normato per legge tutto il tema delle concessioni” e il “rischio operativo è in carico al privato”. Lo Stato, ha spiegato Delrio, “non è obbligato a riequilibrare gl investimenti”, e questa “è una grande rivoluzione”. Quanto al ruolo dell’Anac, Delrio ha sottolineato: “Faremo in modo che ai nuovi compiti corrispondano risorse adeguate, che siano dal bilancio interno o altre risorse si vedrà. Andremo senz’altro incontro a questa sollecitazione di risorse adeguate”, rispondendo alle preoccupazioni di Raffaele Cantone sull’adeguatezza degli strumenti a disposizione dell’Anticorruzione.

Proprio Cantone ha commentato positivamente che il nuovo codice “rappresenta una piccola rivoluzione copernicana nel sistema degli appalti nel nostro paese. Da sola – ha spiegato – una legge non è in grado di risolvere i problemi e anche questa legge non avrà un effetto salvifico, ma alcune novità le porta, anche nel provare a evitare uno dei rischi principale degli appalti, il rischio di corruzione”.

Nel comunicato di Palazzo Chigi si precisa che sono previsti tre livelli di progettazione: il nuovo progetto di fattibilità tecnica ed economica, il progetto definitivo ed il progetto esecutivo, che viene posto a base di gara. La progettazione deve assicurare il soddisfacimento dei fabbisogni della collettività, la qualità architettonica e tecnico-funzionale dell’opera, un limitato consumo del suolo, il rispetto dei vincoli idrogeologici sismici e forestali e l’efficientamento energetico. Il nuovo progetto di fattibilità sarà redatto sulla base di indagini geologiche e geognostiche, di verifiche preventive dell’assetto archeologico, fermo restando che deve individuare il miglior rapporto tra costi e benefici per la collettività.

Per l’Anac e la legalità si ricorda che sono numerose le disposizioni a sostegno di questi aspetti, partendo proprio dal rafforzamento del ruolo dell’Anticorruzione: è chiamato ad adottare atti di indirizzo quali linee guida, bandi-tipo, contratti-tipo ed altri strumenti di regolamentazione flessibile, fornendo costante supporto nell’interpretazione e nell’applicazione del Codice. Dal punto di vista normativo, viene prevista una disciplina unitaria per le concessioni di lavori, servizi e forniture, chiarendo che le concessioni sono contratti di durata, caratterizzati dal rischio operativo in capo al concessionario in caso di mancato ritorno economico dell’investimento effettuato. I titolari delle concessioni sono poi obbligati ad affidare una quota pari all’80% dei contratti di importo superiore a 150mila euro mediante le procedure ad evidenza pubblica.

Si preve poi la graduale digitalizzazione delle gare, si disciplina il Partenariato pubblico privato (PPP) come disciplina generale autonoma e a sé stante, quale forma di sinergia tra poteri pubblici e privati per il finanziamento, la realizzazione o la gestione costruiredelle infrastrutture o dei servizi pubblici, affinché l’amministrazione possa disporre di maggioririsorse e acquisire soluzioni innovative. Si rivisita profondamente il ruolo del general contractor: per farvi ricorso la stazione appaltante dovrà fornire un’adeguata motivazione,

in base a complessità, qualità, sicurezza ed economicità dell’opera. Si vieta al general contractor di esercitare il ruolo di direttore dei lavori. Per  ridurre ilcontenzioso, infine, si prevede un rito speciale in camera di consiglio del Tar.

Vai al Link


Un aerobus sullo Stretto di Messina: la proposta di due ingegneri

Un aerobus sullo Stretto di Messina: la proposta di due ingegneri

Posted on maggio 16, 2016 by in Uncategorized with no comments

Gli ingegneri Achille Baratta e Massimo Majowiecki hanno presentato una proposta di ‘Metropolitana leggera’ sullo Stretto di Messina basata sulla tecnologia dell’aerobus. Costerebbe un decimo del ponte, sostengono.

 

Se c’è un dibattito che può rappresentare tutte le contraddizioni del fare ‘grandi opere’ in Italia è quello sul Ponte sullo Stretto di Messina. Praticamente tutti i Governi alternatisi gli ultimi anni sono tornati sul punto, ribadendo la necessità economica di collegare Reggio Calabria e Messina e spesso spendendosi in proclami rimasti alla fase degli annunci.

Ma se il collegamento tra Sicilia e Calabria non fosse terrestre ma realizzato ‘per via aerea‘? È questa l’originale proposta avanzata da un team diingegneri bolognesi e presentato nei giorni scorsi a Milano al Circolo della Stampa. Firmata dagli ingegneri Achille Baratta e Massimo Majowiecki(Studio Tecnico Majoviecki), la proposta di una “Metropolitana leggera sullo Stretto di Messina” sta suscitando già molti clamori. Si tratterebbe di una sorta di funivia che parte dalla Stazione Marittima di Messina e arriva all’aeroporto di Reggio Calabria in 15 minuti e che potrebbe, nelle intenzioni dei progettisti, contribuire sensibilmente a realizzare quel collegamento determinante, a giudizio non solo loro, per il rilancio economico di questa parte di Meridione.

Vista dall'alto - Render (foto: Studio Tecnico Majowiecki)

Secondo i progettisti “il collegamento tra Messina e Reggio Calabria permetterà di velocizzare e incrementare il flusso pendolare fra le due città aumentando le possibilità di interazioni economiche e lavorative”. Inoltre questa soluzione potrebbe avere un impatto turistico molto forte, anzi, è proprio nella capacità di generare valore turistico della proposta che i progettisti individuano il vero motore del rilancio economico dell’area.

Ma a livello strutturale, come sarebbe questa metro leggera sullo Stretto?
L’idea di Baratta e Majoviecki prende spunto dal sistema dell’aerobus: carrozze motorizzate alimentate da energia elettrica che si muovono sospese a uncavo. Una tecnologia collaudata in Svizzera nel 1974 e operativa per 6 mesi nella città di Mannheim in Germania dove ha trasportato 2,2 milioni di persone. I sistemi di aerobus, spiegano i progettisti, sono utilizzati ad esempio nelle città cinesi di Chongqing e Weihai e per la Malacca Aerorail.
Questa metropolitana sarà realizzata con una monorotaia rigida per il tratto sulla terraferma e con carrozze collegate alla struttura di funi (tecnologia aerobus) per il tratto di attraversamento dello stretto.

Prospetto notturno dell'opera

Prospettiva dall'alto del pilone (foto: Studio Tecnico Majowiecki)

L’attraversamento dello stretto si ottiene tramite un ponte sospeso intensostruttura spaziale a doppio effetto formata, principalmente da:

  • Funi portanti in acciaio armonico, fibre di carbonio;
  • Funi stabilizzanti in fibre aramidiche;
  • Colonne metalliche in acciaio inox.

Le caratteristiche dimensionali principali sono:

  • Luce libera 3300m;
  • Altezza colonne 600m;
  • Separazione linee di trasporto sospese 30m.

Prospettiva dal basso del pilone (foto: Studio Tecnico Majowiecki)

La configurazione dell’opera è stata studiata in modo da poter integrareimpianti di generazione elettrica mediante fonti rinnovabili:

  • impianto fotovoltaico di 96000m2;
  • impianto multiplo di aerogeneratori ad asse verticale ed orizzontale.

L’aspetto energetico è uno dei punti focali della proposta di Baratta / Majowiecki: l’idea è dotare la struttura di impianti eolici e fotovoltaici che produrranno l’energia elettrica necessaria al trasporto ed all’illuminazione a led dell’intera struttura.

Studio del design della cabina

Per quanto riguarda i costi, gli ingegneri sostengono che la struttura richiederebbe 850 milioni di euro, cioè un decimo del costo stimato per il progetto del ponte stradale e ferroviario (8,5 miliardi di euro), senza contare il contenzioso (700 milioni di euro).

“Questa soluzione”, concludono i due ingegneri “consentirebbe pertanto l’annullamento dell’importo di contenzioso ed allo stesso tempo la realizzazione di un’opera senza precedenti progettuali a livello mondiale creando inoltre innumerevoli nuovi posti di lavoro per le imprese ed i professionisti locali con un immediato rilancio dell’economia Italiana.”

Crediti del progetto

Idea
Ing. Achille Baratta (studio inserimento nel territorio)
Ing. Massimo Majowiecki (studio proposta tecnica e strutturale)
Ing. Giovanna Baratta (studio inserimento nel territorio)

Hanno collaborato:
Arch. Ida Maria Baratta – Ing. Maria Scalisi (studio inserimento nel territorio)
Arch. Giambattista Ghersi – Studio Rizoma Architetture (design delle cabinovie e render)
Ing. Giovanni Berti – Studio Majowiecki (modellazione strutturale del ponte)

Aspetto economico – politico:
Prof. Giuseppe Campione: Geografo – Politico, Presidente della reg. Sicilia dopo le stragi del ‘92
Avv. Giovanni Ardizzone – Attuale Presidente dell’Ars

Vai al Link


I criteri per l’utilizzazione degli effluenti di allevamento e del digestato

I criteri per l’utilizzazione degli effluenti di allevamento e del digestato

Posted on maggio 10, 2016 by in Uncategorized with no comments

19/04/2016

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 90 del 18 aprile 2016, s.o. n. 9 è stato pubblicato il d.m. 25 febbraio 2016 recante “Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dell’utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento e delle acque reflue, nonché per la produzione e l’utilizzazione agronomica del digestato”.

Ecco una breve mappa del provvedimento.

Titolo I

DISPOSIZIONI COMUNI

Capo I

Disposizioni generali

– Articolo 1: Finalità e principi generali;
– Articolo 2: Ambito di applicazione;
– Articolo 3: Definizioni;

Capo II

Adempimenti dei produttori ed utilizzatori

– Articolo 4: Adempimenti dei produttori ed utilizzatori;
– Articolo 5: Piano di utilizzazione agronomica;
– Articolo 6: Documentazione di accompagnamento al trasporto;

Titolo II

UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO

Capo I

Criteri generali e divieti
– Articolo 7: Criteri generali per l’utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento;
– Articolo 8: Divieti di utilizzazione agronomica dei letami;
– Articolo 9: Divieti di utilizzazione agronomica dei liquami;

Capo II

Trattamento e stoccaggio

– Articolo 10: Criteri generali per il trattamento e lo stoccaggio degli effluenti di allevamento;
– Articolo 11: Stoccaggio e accumulo dei letami;
– Articolo 12: Stoccaggio dei liquami;

Capo III

Modalità di distribuzione e dosi di applicazione

– Articolo 13: Tecniche di distribuzione degli effluenti di allevamento;
– Articolo 14: Dosi di applicazione degli effluenti di allevamento;

Titolo III

UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DELLE ACQUE REFLUE

Capo I

Criteri generali e divieti

– Articolo 15: Criteri generali per l’utilizzazione agronomica delle acque reflue;
– Articolo 16: Divieti di utilizzazione agronomica delle acque reflue;

Capo II

Trattamento e stoccaggio

– Articolo 17: Criteri generali per il trattamento e lo stoccaggio delle acque reflue;
– Articolo 18: Stoccaggio delle acque reflue;

Capo III

Modalità di utilizzazione agronomica e dosi di applicazione

– Articolo 19: Tecniche di distribuzione delle acque reflue;
– Articolo 20: Dosi di applicazione;

Titolo IV

UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEL DIGESTATO

Capo I

Disposizioni generali

– Articolo 21: Criteri generali;
– Articolo 22: Produzione del digestato;
– Articolo 23: Digestato destinato ad operazioni di essiccamento e valorizzazione energetica;
– Articolo 24: Criteri per la qualificazione del digestato come sottoprodotto;
– Articolo 25: Adempimenti del produttore o utilizzatore di digestato;

Capo II

Utilizzazione agronomica del digestato

– Articolo 26: Criteri generali di utilizzazione agronomica del digestato;

Capo III

Utilizzazione agronomica del digestato agrozootecnico

– Articolo 27: Produzione del digestato agrozootecnico;
– Articolo 28: Criteri generali di utilizzazione agronomica del digestato agrozootecnico;

Capo IV

Utilizzazione agronomica del digestato agroindustriale

– Articolo 29: Utilizzazione agronomica del digestato agroindustriale;
– Articolo 30: Produzione del digestato agroindustriale;
– Articolo 31: Criteri generali di utilizzazione agronomica del digestato agroindustriale;

Capo V

Disposizioni comuni

– Articolo 32: Stoccaggio delle matrici in ingresso e del digestato;
– Articolo 33: Modalità di trattamento del digestato;
– Articolo 34: Tecniche di distribuzione e dosi di applicazione del digestato;

Titolo V

UTILIZZAZIONE AGRONOMICA IN ZONE VULNERABILI DA NITRATI

– Articolo 35: Disposizioni generali;
– Articolo 36: Divieti di utilizzazione dei letami e dei concimi azotati e ammendanti organici di cui al decreto legislativo 29 aprile 2010, n. 75;
– Articolo 37: Divieti di utilizzazione dei liquami;
– Articolo 38: Caratteristiche dello stoccaggio;
– Articolo 39: Accumulo temporaneo di letami;
– Articolo 40: Modalità di utilizzazione agronomica e dosi di applicazione;
– Articolo 41: Strategie di gestione integrata di effluenti zootecnici;
– Articolo 42: Controlli;
– Articolo 43: Formazione e informazione degli agricoltori;
– Articolo 44: Comunicazioni;

 

Vai al link


TUTELA LAVORATORI DA ELETTROSMOG – allineamento norme UE in vista

TUTELA LAVORATORI DA ELETTROSMOG – allineamento norme UE in vista

Posted on maggio 9, 2016 by in Uncategorized with no comments

Licenziato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri del 29 aprile 2016 il decreto legislativo di recepimento della direttiva 2013/35/Ue sulla tutela minima dei lavoratori dai campi elettromagnetici.

Il provvedimento inciderà direttamente sul Dlgs 81/2008 (cd. “Testo unico sulla sicurezza sul lavoro”) rendendo finalmente operative sul territorio nazionale prescrizioni ad hoc per la valutazione degli specifici rischi e l’adozione delle conseguenti misure di prevenzione e protezione dei lavoratori.

Le attuali specifiche disposizioni in materia dettate dal Dlgs 81/2008 sono infatti fondate su quelle recate dalla direttiva 2004/40/Ce e avrebbero dovuto acquisire efficacia nel 2013 in base all’articolo 306 dello stesso decreto. Essendo però stata tale direttiva nelle more sostituita dal nuovo atto 2013/35/Ue, in base allo stesso e citato articolo 306 del Dlgs 81/2008 (che aggancia la vigenza delle norme nazionali ai termini di recepimento di quelle europee), la loro efficacia sul piano interno è stata sospesa.

Vai al Link


Scavi archeologici in corso a Limidi

Scavi archeologici in corso a Limidi

Posted on maggio 4, 2016 by in Marketing with no comments

Proseguono gli scavi archeologici nell’area interessata dall’ampliamento del cimitero di Limidi, comune di Soliera (MO).

Come prescritto dalla Soprintendenza Archeologia dell’Emilia-Romagna infatti, nell’ambito del progetto relativo all’ampliamento del cimitero di Limidi di Soliera, sono stati eseguiti 5 scavi a trincea come verifica di archeologia preventiva. Tali sondaggi sono stati richiesti dalla competente Soprintendenza ad integrazione della relazione preliminare di archeologia preventiva.

L’area interessata dal progetto di ampliamento del cimitero si trova su una “motta”, un’area morfologicamente più elevata rispetto alla restante pianura, attualmente occupata dalla Chiesa di San Pietro in Vincoli e dall’edificio parrocchiale ad essa attigua, da due edifici adibiti ad oratorio e dal Cimitero. Sulla base degli studi condotti è emerso che questa motta è una zona a rischio archeologico alto, poiché dalla consultazione di fonti storiche e da pregresse indagini archeologiche di superficie risulta che in questa zona si ergesse il castello alto-medioevale di Limidi, che comprendeva al proprio interno la chiesa di San Pietro in Vincoli. La motta era circondata da un fossato, cartografato ancora nelle carte Settecentesche di Marri e nella Carta Topografica del Ducato di Modena del 1842.1

Le indagini a trincee richieste hanno confermato la presenza di tracce archeologiche che hanno confermato le preliminari ricerche storico-topografiche.


AMIANTO, GALLETTI: PER LIBERARE L’ITALIA SERVE IMPEGNO DI TUTTI

AMIANTO, GALLETTI: PER LIBERARE L’ITALIA SERVE IMPEGNO DI TUTTI

Posted on maggio 3, 2016 by in Marketing with no comments

Ministero impegnato con determinazione su bonifiche, urgente concludere mappatura dei siti
“Liberare l’Italia dall’Amianto. È questo l’obiettivo che ciascuno di noi, per le rispettive responsabilità, non può che sentire profondamente proprio”.
Così il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti in un messaggio inviato all’Assemblea nazionale sull’amianto organizzata dalla commissione d’inchiesta del Senato sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie professionali.

“Il Ministero dell’Ambiente sta proseguendo con determinazione la sua opera di bonifica –aggiunge Galletti – lo sta facendo sia nei Siti d’interesse nazionale, sia promuovendo azioni nelle migliaia di “micro realtà” sparse sul territorio che rappresentano un pericolo continuo per i cittadini. Stiamo stanziando nuove risorse spendibili, affiancando all’impegno economico un lavoro di semplificazione delle procedure necessario a rendere gli interventi più rapidi e incisivi”.

“Uno snodo fondamentale – spiega il Ministro – si è determinato con l’introduzione dei reati ambientali nel Codice Penale, epocale novità giuridica per il nostro Paese e strumento nuovo anche per il contrasto all’inquinamento da Amianto”. 

Galletti ricorda poi le diverse iniziative legislative su questo tema, a partire dal Collegato Ambientale di recente approvato proprio in Senato, “in cui è prevista l’introduzione di un credito di imposta triennale per i soggetti titolari di reddito d’impresa che effettuano interventi di bonifica dell’amianto su beni e strutture produttive in territorio nazionale, nonché di un fondo presso il Ministero dell’ambiente per la progettazione preliminare e definitiva degli interventi di bonifica presso edifici pubblici”.

“Al Dicastero dell’Ambiente è affidata per legge la competenza sulla raccolta dati sulla mappatura dell’amianto – sottolinea – l’aggiornamento al novembre 2015 fa rilevare oltre 44.000 siti sparsi sul suolo nazionale. Un dato parziale, visto che alcune Regioni non stanno provvedendo ad aggiornare la mappatura, in alcuni casi risalente a quasi sei anni fa, rendendo cosi ancor più complessa l’azione di monitoraggio e di intervento. Una criticità, questa, che è necessario superare al più presto”.

“Nella lunga e difficile strada che dobbiamo continuare a percorrere per cancellare ogni traccia di amianto dall’Italia – conclude il Ministro – c’è bisogno della collaborazione di tutti: di un impegno quanto mai serrato di alleanza istituzionale tra i vari livelli di governo, della collaborazione scientifica, del contributo delle associazioni che sul territorio hanno vissuto e vivono una realtà tanto difficile e angosciante”.

Vai al Link


Nuove tecnologie green per il rinforzo strutturale e antisismico di calcestruzzo e murature

Nuove tecnologie green per il rinforzo strutturale e antisismico di calcestruzzo e murature

Posted on maggio 2, 2016 by in Marketing with no comments

Il moderno approccio, riconosciuto dall’ultima normativa sismica del 2012 e sostenuto anche da recenti osservazioni sul campo in occasione del sisma Umbria-Marche 1997, introduce il concetto di miglioramento e adeguamento antisismico dell’edificio con interventi di rinforzo efficaci e, allo stesso tempo, realizzati nel rispetto dell’identità statica e architettonica del manufatto.
Nella scelta degli interventi deve essere posta particolare attenzione ai principi della conservazione del rispetto del disegno architettonico oltre che dell’origine e della natura dei materiali da costruzione.
Pertanto le tecniche di rinforzo strutturale non devono essere finalizzate solo al raggiungimento di un appropriato livello di sicurezza, ma devono anche garantire compatibilità e durabilità, integrazione e non trasformazione della costruzione, rispetto delle tecniche costruttive originarie garantendo reversibilità e, se possibile, ridotta invasività dell’intervento.
Il nuovo approccio di Kerakoll al rinforzo strutturale e antisismico è basato sull’impiego di Geomalte minerali e naturali a base di Geolegante e calce naturale NHL associate a tessuti GeoSteel in acciaio perlitico galvanizzato a elevatissima resistenza e tenacità. Questi sistemi rispettano pienamente le nuove concezioni progettuali e le indicazioni normative vigenti, proponendo sistemi moderni, innovativi, semplici da realizzare, meno onerosi e più rapidi, totalmente ecosostenibili, rispettosi della salute degli operatori e dell’ambiente.

LE TRADIZIONALI TECNOLOGIE PER IL RINFORZO DI STRUTTURE IN CALCESTRUZZO E MURATURA
Le tradizionali tecnologie prevedono l’impiego dei sistemi FRP costituiti principalmente da fibre di carbonio in matrici di resina epossidica. Nascono circa trent’anni fa dall’esperienza disastrosa del terremoto di Kobe (Giappone) e sono rivolti principalmente al rinforzo di infrastrutture in calcestruzzo armato ad elevate resistenze. Successivamente, applicati anche alle strutture civili residenziali con calcestruzzi a bassa resistenza e alle murature ponendo poca attenzione alla compatibilità fra i diversi materiali, questi sistemi hanno evidenziato una serie di limiti che, almeno nelle opere murarie, impongono la necessità di sostituire tale tipologia di rinforzo.
I principali limiti dei sistemi FRP si possono riassumere in complessità del sistema di posa, totale mancanza di traspirabilità, possibile formazione di condense interstiziali fra supporto e rinforzo FRP, bassa temperatura di transizione vetrosa della matrice che rende gli FRP particolarmente sensibili alle alte temperature, combustibilità e infiammabilità della resina, elevata sensibilità all’umidità del supporto, dilatazione termica incompatibile con manufatti in calcestruzzo e muratura, mancato rispetto della salute e dell’ambiente. Limiti, questi, gravosi dal punto di vista tecnico, logistico, ambientale e della salute.

LE NUOVE TECNOLOGIE GREEN PER IL RINFORZO DI STRUTTURE IN CALCESTRUZZO E MURATURA
La nuova frontiera dei rinforzi strutturali prevede l’applicazione di tessuti in acciaio galvanizzato ad altissima resistenza mediante matrici inorganiche realizzate con GeoLite e GeoCalce.
Geolite, come matrice per rinforzi di strutture in calcestruzzo, è la prima geomalta minerale certificata, a base di Geolegante e Zirconia Cristallina, provvista di tripla marcatura CE e conforme ai requisiti prestazionali richiesti dalle norme EN 1504. Naturalmente stabile, GeoLite cristallizza al supporto dell’elemento strutturale da rinforzare e garantisce la resistenza e la durabilità tipica di una roccia minerale. La totale assenza di ritiri di GeoLite permette un’ideale collaborazione tra matrice e tessuto di rinforzo per il raggiungimento, anche in cantiere, delle prestazioni meccaniche ottimali e coerenti a quanto dichiarato in laboratorio, a differenza di quanto accade con le matrici organiche e le malte polimero-modificate, altamente sensibili alle condizioni climatiche e alle variabili del cantiere. GeoLite è formulata con lo speciale Geolegante Kerakoll e inerti extrafini che, oltre a garantire una migliore lavorabilità, permettono di inglobare perfettamente il tessuto di rinforzo GeoSteel e raggiungere valori di adesione superiori (paragonabili solo alle matrici organiche) per costituire un rinforzo monolitico che realizza una sorta di naturale prolungamento statico dell’elemento strutturale oggetto dell’intervento. Solo con il sistema ecocompatibile Kerakoll GeoLite e GeoSteel è possibile realizzare rinforzi innovativi monolitici ad elevate prestazioni meccaniche che aumentano sensibilmente la duttilità dell’elemento strutturale e garantiscono prestazioni costanti e durevoli nel tempo.
GeoCalce, invece, è la nuova e rivoluzionaria linea di Geomalte ad alta resistenza e alta traspirabilità specifiche per il rinforzo strutturale degli edifici in muratura. I ricercatori del GreenLab Kerakoll hanno sviluppato per la prima volta al mondo una nuova generazione di malte che nasce dall’interazione tra l’esclusiva calce naturale NHL 3.5 e il rivoluzionario Geolegante scoperto da Kerakoll. La ricerca scientifica ha permesso di testare nuove malte dalle caratteristiche uniche che assicurano eccellenti prestazioni meccaniche conservando invariata l’elevata e naturale traspirabilità della calce NHL. Da questi nuovi e irrinunciabili risultati per malte destinate all’applicazione su muratura, nasce GeoCalce.
Abbinata ai nuovi tessuti strutturali GeoSteel, Geocalce permette la realizzazione di un innovativo sistema di rinforzo dell’edificio in grado di aumentarne le resistenze e il comportamento in regime dinamico (sisma) per garantire una maggiore protezione degli occupanti. Con GeoCalce è possibile intervenire su tutti gli aspetti costruttivi e di consolidamento della muratura: è possibile allettare, stilare, intonacare e inserire le armature di rinforzo GeoSteel e realizzare quindi betoncini per il rinforzo strutturale e l’adeguamento sismico. GeoCalce fluido permette anche di iniettare e consolidare murature particolarmente ricche di cavità, eseguire inghisaggi per colaggio e iniettare i connettori di collegamento a fiocco. Le caratteristiche tecniche di resistenza e modulo elastico di GeoCalce, abbinate alla naturale stabilità dimensionale delle Geomalte, assicurano la perfetta compatibilità con ogni tipo di muratura senza generare pericolosi stati tensionali che nel tempo ridurrebbero l’efficacia dell’intervento di rinforzo. GeoCalce e GeoSteel rappresentano il sistema di rinforzo ecocompatibile e naturale ideale anche nel consolidamento delle murature storiche e dei beni artistici monumentali, grazie alla loro eccezionale traspirabilità e compatibilità con le murature umide e degradate dal tempo.

Continua a leggere…


Case, studi o dietro le fontane: torna «Roma Open House»

Case, studi o dietro le fontane: torna «Roma Open House»

Posted on aprile 27, 2016 by in Marketing with no comments

Il 7 e l’8 maggio la quinta edizione della rassegna con l’apertura straordinariae gratuita di 170 architetture pubbliche e private: storiche, moderne e contemporanee.

 

Un monumento celebre, un’area archeologica di norma non accessibile, una serie di «alloggi bioclimatici» a Primavalle, un’antica manifattura di cappelli, una magione pariolina, un appartamento al Pigneto appena ristrutturato o un atelier al Gazometro: di tutto un po’, ed è forse questo il bello di Open House Roma, iniziativa giunta alla quinta edizione e che sabato e domenica 7 e 8 maggio apre gratis al pubblico oltre 170 siti di architettura — antica, moderna e contemporanea — con 60 eventi speciali sparsi sull’intero territorio cittadino.

Il «backstage» della Fontana di Trevi e di quella dell’Acqua Paola

Formula collaudata, cadenza annual-primaverile, Open House Roma si presenta per questa edizione con alcune novità, a partire dall’apertura straordinaria dei «backstage» di tre siti celebri: la Fontana di Trevi, la Fontana dell’Acqua Paola e la Chiocciola di Villa Medici. Non, appunto, visite convenzionali, bensì la possibilità di accedere al dietro le quinte delle due Fontane, visitando le «stanze dei bottoni», ovvero le due sale da cui viene gestito il loro funzionamento e da cui si potrà avere uno sguardo privilegiato su entrambi i monumenti. La terza visita porterà invece i partecipanti a discendere i venticinque metri della Scala a Chiocciola di Villa Medici: 117 gradini fino a raggiungere l’Acquedotto Vergine che, ancora oggi in funzione, alimenta buona parte delle fontane del centro. Ma al di là degli edifici storici, moderni o contemporanei — oltre la metà nuovi rispetto all’offerta dello scorso anno — specifica di Open House è l’apertura di luoghi privati: case, uffici, studi, cantieri, luoghi solitamente non destinati alla fruizione di un pubblico di visitatori e che permettono invece la scoperta di aspetti inediti della città.

Il Palazzo dell’Aeronautica del 1931

Il programma (disponibile sul sito www.openhouse.org) è stato suddiviso in «aree tematiche», dalla Roma Antica al contemporaneo, suggerendo una selezione di edifici da visitare ed eventi e tour cui partecipare, non sulla base della classificazione storica o dell’area geografica, ma piuttosto dei propri gusti culturali. Si parte dal tema dell’Abitare, passando per Factory e Produzione, fino ad arrivare ad Attraversare la storia. Tra gli edifici accessibili: i cantieri dei nuovi headquarters Bnl nell’area tiburtina, il salone d’onore del Palazzo H del Coni al Foro Italico, Palazzo Koch (dal nome del celebre architetto che diede una sua impronta alla giovane capitale postunitaria), oggi sede della Banca d’Italia, o il monumentale Palazzo dell’Aeronautica, del 1931, commissionato dall’allora Maresciallo dell’Aria Italo Balbo, il gerarca che volle «un’opera di dimensione imperiale, in armonia con l’essenza e il divenire della Forza Armata, totalmente esente da suggestioni esterofile» (stile razionalista, dettagli decorativi, saloni, apparati vari ecc. sono tra i più tipici e meglio conservati del cosiddetto stile Novecento: accesso consentito con documento di identità, ultima visita ore 18).

Cortili segreti, atelier d’artista, opere razionaliste

A ciascuno il suo speciale angolo di Roma, più o meno (s) conosciuto: il ristorante «Il Fungo» all’Eur, un cortile segreto in via della Lungara, una elegante palazzina di Ugo Luccichenti in via in Selci in Sabina, lo studio dell’artista Massimo Catalani nei «palazzoni» anni Trenta dell’Impresa Federici in via XXI Aprile (celeberrimo set per il film «Una giornata particolare» di Scola), lo studio-atelier all’Orto Botanico dove lavorarono dagli anni ’60 Carlo Quattrucci, i Tommasi Ferroni, Kokocinski, o quel che resta (poco o nulla) di una delle rarissime opere romane dell’architetto razionalista Giovanni Michelucci, la Villa Valiani al Prenestino, via Romanello da Forlì (la visita propone una rilettura storica attraverso foto e tesi dell’opera razionalista. Visitando l’appartamento si potranno vedere parzialmente alcuni finiture originali). L’elenco è lunghissimo.

Accesso libero o su prenotazione, dal 28 aprile

Più dell’85 per cento dei siti saranno ad accesso libero per ordine di arrivo, mentre per il restante 15 per cento le prenotazioni, sempre gratuite, saranno attive a partire da giovedì 28 aprile. Tantissimi i patrocini di soggetti istituzionali, i quali hanno permesso a loro volta l’apertura di sedi (il Senato, ad esempio, con Palazzo Madama). Settecento i volontari coinvolti tra studenti, professori, architetti o semplici appassionati (Info: www.openhouseroma.org, tel. 06.45563543).

Vai al link


Gli interni di Ponti all’università di Padova

Gli interni di Ponti all’università di Padova

Posted on aprile 26, 2016 by in Marketing with no comments

L’ateneo patavino prende il nome dalla trecentesca Locanda del Bove (Bo) e custodisce un segreto: interni straordinari che portano la firma di maestri del Novecento

Il Bo è l’antico palazzo che ospita l’Università di Padova dalla fine del 1400, quando cioè La Repubblica Veneta raccolse le facoltà in un’unica sede, la trecentesca Locanda del Bove (il Bo, appunto), sorta di lussuoso albergo citato con meraviglia dai viaggiatori rinascimentali. Qui, nel Cinquecento, furono realizzati il primo teatro anatomico e il primo orto botanico al mondo, oltre che l’ampliamento verso nord, progettato da Andrea Maroni e imperniato sul celebre Cortile Antico.

Il Bo ospita il più antico Teatro Anatomico permanente del mondo, completato nel 1595 su impulso di Girolamo Fabrici d’Acquapendente. Foto di Aldo Pavan

Ma è nel Novecento che il grande lotto quadrangolare acquisì l’aspetto odierno. Infatti, dopo ulteriori acquisizioni ottocentesche e la realizzazione negli anni Venti di un nuovo ampliamento da parte di Guido Fondelli, il rettore Carlo Anti indisse un concorso che portò Ettore Fagiuoli a realizzare il Cortile Nuovo e a riorganizzare organicamente il complesso.

Il Cortile Nuovo o Littorio è il baricentro del progetto di Ettore Fagiuoli, vincitore del concorso indetto nel settembre 1933. Foto di Carlo Calore

Era il 1934, l’anno decisivo per il Bo: in giuria c’era Gio Ponti, che concorreva in un’altra competizione, quella per la costruzione del Liviano, la nuova facoltà di Lettere. Tra il rettore e il progettista milanese nacque uno straordinario sodalizio, documentato da un intenso carteggio, che vide Ponti incaricato anche dell’interior design della nascente area novecentesca del Bo. Grazie alla neonata “Legge del 2%” (poi rinominata n. 717 del 1949) – che prevedeva che il due per cento delle somme destinate alla costruzione di edifici pubblici venisse investito per “l’abbellimento di essi mediante opere d’arte” – il rettore Anti nel 1942 chiamò anche Funi, Fornasetti, Severini, Scarpa, Martini, Campigli a lavorare all’opera. L’esito di questa mobilitazione di artisti fu una successione di spazi destinati soprattutto alla rappresentanza politico-istituzionale, che contribuì a definire l’ala novecentesca come il Grande Bo.

La Scala del Sapere conduce al Rettorato. Affrescata da Gio Ponti (1941), celebra la conoscenza ed è arricchita dal Palinuro di Martini. Foto di Carlo Calore

Oggi la raffinata esedra della Scala del Sapere, affrescata da Ponti e arricchita dalla statua “Palinuro” di Arturo Martini (dedicata al laureato padovano e capo partigiano Primo Visentin), conduce con i suoi scalini in marmi policromi dall’Atrio degli Eroi al Rettorato, ubicato al primo piano. La Basilica, ovvero l’aula delle lauree, stupisce per la sua grandiosità: su inconfondibile disegno pontiano, un doppio ordine di colonne stilizzate di marmorino rosso sostiene l’intreccio del soffitto, mentre sulle vaste pareti affrescate Pio Casarini ricorda gli studenti patavini caduti durante il Risorgimento e la prima guerra mondiale.

Al primo piano, la sala delle lauree progettata da Gio Ponti è detta Basilica. Voluti dal rettore Anti, gli affreschi di Casarini celebrano l’eroismo degli studenti padovani. Foto di Aldo Pavan

Poco oltre, la Galleria del Rettorato accoglie, oltre a una sequenza di lampade-alabarde bianche disegnate da Ponti, uno straordinario ciclo di affreschi azzurri. Città della Serenissima, simboli accademici, edifici universitari ed ex studenti divenuti santi o beati portano la firma di Piero Fornasetti che, chiamato alle armi nel 1943, fu sostituito da Fulvio Pendini. Se poi altri ambiti – come lo studio del rettore, l’aula magna, il senato, le sale di laurea di legge e medicina – recano ovunque squisiti dettagli novecenteschi, è certo il Circolo dei Professori la sequenza spaziale in cui il genio pontiano si esprime con gli esiti più coerenti e compiuti. Dalla palette giocata sui freschi e inediti toni del verde e del prugna alla sapiente eleganza di tavoli, sedie, porte scorrevoli in legno, fino ai bellissimi pavimenti che rileggono con semplici diagonali alternate il tradizionale terrazzo alla veneziana, tutto porta l’inconfondibile cifra del grande architetto milanese.

La sequenza del Circolo dei Professori reca l’inconfondibile cifra di Gio Ponti, che diventa antologia di squisiti dettagli e galleria di opere d’arte nella Sala di Lettura. Foto di Massimo Pistore

I “Luminator” di Pietro Chiesa illuminano quadri, disegni e sculture, mentre agli eleganti arredi della sala da gioco risponde la semplice funzionalità della deliziosa cucinetta. Non a caso, d’accordo con Anti, Ponti profuse in queste stanze un impegno particolare, dall’intento condiviso e galante: offrire ospitalità, in alternativa al vicino Caffè Pedrocchi, anche alle mogli dei professori. Ora l’università ha deciso di aprire al pubblico il Grande Bo che, seppure tuttora utilizzato, dall’estate scorsa è offerto alle visite guidate.

Vai al Link


Nel 2020 più di un quarto dell’energia arriverà da fonti rinnovabili

Nel 2020 più di un quarto dell’energia arriverà da fonti rinnovabili

Posted on aprile 21, 2016 by in Marketing with no comments

L’Agenzia internazionale dell’energia (Aie), con sede a Parigi, ha pubblicato un nuovo rapporto in cui si prevede che entro il 2020 il pianeta produrrà il 26 per cento del suo fabbisogno energetico a partire da fonti rinnovabili. La produzione di energie rinnovabili è cresciuto negli ultimi anni e secondo l’Aie nel 2014 il 45 per cento della produzione mondiale di energia si è concentrato in questo settore.

Si possono ringraziare di questa tendenza paesi europei come la Danimarca e laGermania, e anche la Cina, che nel 2014 ha investito ottanta miliardi di dollari nelle energie rinnovabili: una somma pari a quelle dell’Europa e degli Stati Uniti messe insieme.

Stando ai dati dell’Aie, nel 2014 il 22 per cento di tutta l’energia usata al livello globale è stato prodotto a partire da fonti rinnovabili, in particolar modo da impianti eolici, solari e idroelettrici. Un aumento di questa proporzione complessiva fino al 26 per centro entro cinque anni sarebbe notevole, ma nel rapporto dell’Aie si prevede anche che nel lungo periodo l’uso delle energie rinnovabili non accelererà quanto potrebbe e potrebbe perfino rallentare, mettendo a rischio il raggiungimento degli obiettivi globali a lungo termine sulla riduzione delle emissioni di anidride carbonica.

Tuttavia, l’Aie sostiene che se, come alcuni prevedono, il mercato delle energie rinnovabili subirà un incremento rapido e consistente nei paesi in via di sviluppo, nel lungo periodo il tasso di accelerazione nella produzione previsto al momento potrebbe aumentare del 25 per cento.

Vai al Link


Pagina 4 di 8« Prima...23456...Ultima »